I Kapsiki, gente dei monti

museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti

Gente dei monti
I Kapsiki sono paleonegriti che vivono sui monti Mandara, nel nord Cameroun, in villaggi a “alveare” dove le capanne sono strettamente addossate le une alle altre. All’inizio degli anni sessanta, i fratelli Alfredo e Angelo Castiglioni hanno realizzato diverse missioni per documentare la vita di questi montanari di cui si avevano scarse notizie.

museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti
museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti

Circondati dai campi di sorgo
I Kapsiki coltivano il sorgo (Surghum vulgare) e il mais, in piccoli appezzamenti ricavati faticosamente nelle pietraie che circondano i villaggi.

museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti
museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti

La morte
Un uomo è morto nel villaggio e le sue spoglie sono esposte su un traliccio di legno. Era un anziano depositario del sapere del gruppo. Il microcosmo del villaggio ha perso un suo membro importante e le esequie saranno solenni. Le foto e le riprese cinematografiche realizzate dai Castiglioni permettono di documentare uno sconvolgente rito funebre, di cui si avevano scarse notizie.

museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti

Lo scavo della fossa
Il fabbro del villaggio si prende cura anche dei morti. Scava una fossa con un bastone: un lavoro faticoso che si protrae per tutto il giorno. L’uomo scende nella buca ed estrae la terra, indurita dal calore, con un frammento di vasellame.

 

museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti

L’uomo scende nella buca ed estrae la terra, indurita dal calore, con un frammento di vasellame.

 

museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti
museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti
museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti

La preparazione
Mentre il fabbro-becchino scava la fossa, un suo assistente frantuma, in una macina di pietra, i rami di una particolare pianta abrasiva: serviranno per il rituale funebre.

 

museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti
museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti

L’oroscopo dei sassi
L’uomo della magia interpreta, dalla posizione dei sassi gettati a terra, l’esito del viaggio intrapreso dal defunto verso il mondo degli antenati.

museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti
museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti

Le danze funebri
Ogni decesso diminuisce l’entità del villaggio. Tutta la comunità partecipa alle solenni danze funebri che si protraggono per l’intera giornata.

museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti
museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti
museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti
museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti

L’uomo del rito
L’anziano custode dei rituali funebri, si prenderà cura della salma.

museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti

Conforme al rito
L’anziano, coadiuvato dagli assistenti, solleva il cadavere dal trespolo sul quale è stato esposto per alcuni giorni. Lo porterà in un angolo appartato del villaggio, dove la salma sarà preparata per l’inumazione.

museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti
museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti

Un rito sconvolgente
In conformità alle antiche consuetudini, l’uomo del rito con i suoi assistenti, inizia a togliere la pelle del morto, usando l’intruglio abrasivo preparato in precedenza. Viene così messo a nudo, sotto l’epiderme scura, il bianco del corpo. Ci siamo chiesti: perchè lo fanno? La risposta ci apparve chiara seguendo lo svolgimento del rito che teminò con la deposizione del cadavere in una tomba a pozzo, composto in posizione fetale. Un rito simbolico quindi: l’uomo nasce bianco dal ventre materno e torna di nuovo bianco nel grembo della Terra, la grande madre. Per molti gruppi etnici africani il morto non muore perchè torna a rivivere nelle generazioni future.

museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti
museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti

La vestizione
Si procede a vestire la salma seguendo, anche in questo caso, i dettami della consuetudine. Il defunto viene coperto con una tunica bianca, il colore della morte.

museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti

Gli ornamenti
Si continua ad adornare la salma: sopra la tunica bianca, viene cucita una veste blu, poi la testa è coperta con fasce colorate e abbellita con vaporose penne di struzzo.

museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti
museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti
museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti
museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti

L’esposizione
Prima di procedere all’inumazione la salma viene esposta seduta, alla devozione della comunità.

museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti

La danza finale
Adagiata sulle spalle di un uomo robusto, la salma prende parte, insieme agli abitanti del villaggio, all’ultima danza. Infine è portata dove è stata scavata la fossa e inumata in posizione fetale.

museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti
museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti
museo-castiglioni-varese-racconti-kapsiki-gente-dei-monti

Presso il Museo Castiglioni è possibile scoprire straordinari reperti etnologici ed archeologici.

Tutte le immagini fotografiche, i disegni e i testi di questo articolo sono di proprietà esclusiva dei fratelli Alfredo e Angelo Castiglioni. Qualsiasi riproduzione, anche se parziale, è vietata. Per ricevere autorizzazione all’utilizzo si prega di contattare il Museo Castiglioni.

GLI ULTIMI RACCONTI

La diga di Merowe (Sudan): uno sconvolgimento ambientale

La diga di Merowe (Sudan): uno sconvolgimento ambientale

    Londra | 6 giugno 1993Alfredo e Angelo Castiglioni presentano al British Museum la scoperta di Berenice Pancrisia, la città del deserto ritrovata nel 1989. Durante il rinfresco, alla presenza del direttore del British Museum e dell’ambasciatore sudanese...

leggi tutto
Caccia all’elefante di un gruppo Dinka

Caccia all’elefante di un gruppo Dinka

    Queste foto dei fratelli Alfredo e Angelo Castiglioni risalgono agli anni sessanta del secolo scorso. Sono immagini di un mondo ormai scomparso.Danza prima della cacciaSiamo stati testimoni di tecniche di caccia non molto dissimili da quelle praticate...

leggi tutto
Credenze e magie dei popoli della foresta

Credenze e magie dei popoli della foresta

  In forestaNovembre 1970. Ci troviamo nelle foreste della Repubblica Centrafricana. Vogliamo raggiungere un villaggio Mandja, per documentare le cure magiche praticate dagli “uomini della medicina (fetischeur) nei piccoli e isolati villaggi.Il campoDal...

leggi tutto

GLI ULTIMI RACCONTI

La diga di Merowe (Sudan): uno sconvolgimento ambientale

La diga di Merowe (Sudan): uno sconvolgimento ambientale

    Londra | 6 giugno 1993Alfredo e Angelo Castiglioni presentano al British Museum la scoperta di Berenice Pancrisia, la città del deserto ritrovata nel 1989. Durante il rinfresco, alla presenza del direttore del British Museum e dell’ambasciatore sudanese...

leggi tutto
Caccia all’elefante di un gruppo Dinka

Caccia all’elefante di un gruppo Dinka

    Queste foto dei fratelli Alfredo e Angelo Castiglioni risalgono agli anni sessanta del secolo scorso. Sono immagini di un mondo ormai scomparso.Danza prima della cacciaSiamo stati testimoni di tecniche di caccia non molto dissimili da quelle praticate...

leggi tutto
Credenze e magie dei popoli della foresta

Credenze e magie dei popoli della foresta

  In forestaNovembre 1970. Ci troviamo nelle foreste della Repubblica Centrafricana. Vogliamo raggiungere un villaggio Mandja, per documentare le cure magiche praticate dagli “uomini della medicina (fetischeur) nei piccoli e isolati villaggi.Il campoDal...

leggi tutto
Gli Ewe e i Fon: etnie del golfo di Guinea

Gli Ewe e i Fon: etnie del golfo di Guinea

  Queste immagini sono state realizzate dai fratelli Alfredo e Angelo Castiglioni negli anni sessanta del secolo scorso presso gli Ewe (Eve o Yewe), diffusi in Togo, Benin, Ghana e i Fon (chiamati Dahomey fino al 1975), sparsi in Togo, Benin, sud...

leggi tutto

NEWSLETTER

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nuovi Racconti ed essere sempre aggiornato sulle novità del Museo Castiglioni

LE SALE DEL MUSEO CASTIGLIONI

Clicca sull'icona e scopri

MUSEO CASTIGLIONI

Parco Toeplitz
Viale Vico 46
21100 VARESE
M + 39 334 9687111
T +39 0332 1692429
info@museocastiglioni.it

Parco Toeplitz
Viale Vico 46
21100 VARESE
M + 39 334 9687111
T +39 0332 1692429
info@museocastiglioni.it