Icona Faraoni

Il deserto nubiano sudanese fu nell'antichità il paese dell'oro.
Fonti storiche egizie, tolemaiche e arabe non lasciano dubbi. Per millenni l'uomo ha estratto l'oro dalle vene di quarzo disseminate su una vasta area, soprattutto nei territori solcati da antichi fiumi fossili quali l’uadi Allaki e i suoi affluenti, il Gabgaba e l’Elei. Nella regione di Wawat, il cuore della Nubia sudanese, generazioni di minatori hanno scavato, sofferto e sono morti.
Gli annali di Tutmosi III, scolpiti in caratteri geroglifici sulle pareti del tempio di Karnak, riportano una precisa contabilità: in tre anni di regno nelle casse del potente faraone affluirono ben 829 kg. d'oro. Da dove arrivava questa enorme quantità del prezioso metallo? Quale ruolo ebbe la misteriosa città di Berenice Panchrysos, la città “tutta d’oro” descritta da Plinio il Vecchio nella sua Naturalis historia?

Berenice Pancrisia F.lli Castiglioni
Berenice Pancrisia vista aerea

Scopri i metodi di estrazione e lavorazione dell’oro e le
fatiche e i sacrifici compiuti
da migliaia di anonimi minatori
per la grandezza dei loro
sovrani.

Berenice Pancrisia

MUSEO CASTIGLIONI

Parco Toeplitz
Viale Vico 46
21100 VARESE
+39 334 9687111
+39 0332 1692429

info@museocastiglioni.it